Visualizzazione post con etichetta Pedro Cano a Napoli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Pedro Cano a Napoli. Mostra tutti i post

01 novembre, 2008

Pedro Cano: workshop di nudo a Napoli, 5° giorno




Venerdì, ultimo giorno. Lacca di garanza, ocra giallo e nero creano tutte le sfumature del color carne. Pedro compone la pagina utilizzando linguaggi differenti: non partire sempre dagli stessi presupposti, vedere lavori di altri artisti e sperimentare direzioni insolite. Bisogna camminare un po', dice, ci sono tante strade...





E' stata una settimana di grande tensione. L'opportunità di lavorare vicino a Pedro Cano e insieme a tante persone è un esperienza che lascia il segno. Pedro riesce a dire cose terribili e meravigliose ad ognuno. In ogni caso tira fuori da noi cose che non avremmo mai fatto per conto nostro. Credo sia raro trovare un artista come lui, disposto ad uscire dallo studio, a interrompere i suoi lavori per dedicarsi così intensamente agli allievi.

Qui il 4° giorno, il 3° giorno e il 2° giorno.
NEW website: Fundación Pedro Cano, Blanca.

31 ottobre, 2008

Pedro Cano: workshop di nudo a Napoli, 4° giorno



Una delle indicazioni di giovedì è quella di comporre in un foglio due figure, nella stessa posizione ma trattate in maniera diversa.




Qualcuno ci riesce bene...

Nel pomeriggio vediamo due documentari molto interessanti: Pedro Cano. La mia voce (33', 2004) di Giulio Berruti, premiato al 1° Festival di Palazzo Venezia, ripercorrere le tappe della vita e delle opere dell'artista. Identità in transito (20', 2007) è un cortometraggio di Roberto Medi fatto di sole immagini, dove si vede Cano al lavoro sulle grandi tele per la recente mostra di Roma e Firenze. Un terzo video era già stato presentato a Napoli in occasione dellla mostra di Pedro Cano a Galassia Gutenberg nel 2006: Patmos (19', 2007) di Giovanni Berisio e Alessandra Drioli è stato girato durante un workshop sull'isola greca.
In rete, ho trovato un'altra intervista a Pedro Cano.

Qui il 3° giorno e il 2° giorno del workshop.
NEW website: Fundación Pedro Cano, Blanca.

30 ottobre, 2008

Pedro Cano: workshop di nudo a Napoli, 3° giorno



Mercoledì. Pedro copre interamente il foglio col colore, poi fa apparire il corpo tamponando con un fazzolettino. Nella pagina a fianco invece parte da macchie casuali, schizzi col pennello che sembra non porteranno da nessuna parte...


Ecco le due pagine, circa quaranta minuti dopo.


Proviamo anche noi. Ecco alcune "mollette" di figure tirate fuori asciugando il fondo.

Poi sei pose brevi, da 10 minuti, da comporre in un unico foglio.

Senza la matita, senza il piccolo formato del taccuino, senza il pennello fine e con un tempo predeterminato... sono in caduta libera. Pedro dice che stiamo cominciando a lavorare bene. In aula c'è una tensione fortissima, la sua energia si propaga. E c'è anche un caldo pazzesco.
Qui il 2° giorno.
NEW website: Fundación Pedro Cano, Blanca.

29 ottobre, 2008

Pedro Cano: workshop di nudo a Napoli, 2° giorno


Stiamo accanto a Pedro mentre dipinge e assistiamo a processi alchemici.
Nella pagina dell'enorme taccuino una figura femminile emerge dallo sfondo rosso.

Poi sparisce, sommersa dal colore.

Infine riappare... Sembra un gioco. Dove tutto è messo in gioco.



Noi, seguiamo le sue indicazioni: solo nero, tutto colore, solo figura, solo sfondo...

C'è il supplizio del corridoio...

E c'è l'onore della molletta!

28 ottobre, 2008

Pedro Cano, Desnudos sobre papel




Si è inaugurata venerdì scorso la mostra di Pedro Cano all'Istituto Cervantes di Napoli. Venti stupefacenti acquarelli di piccolo formato, con l'allestimento dello studio Eikon (fino al 28 novembre). Giovedì prossimo alle 18.00, sempre al Cervantes, verrano proiettati dei video sul maestro.



Intanto, per noi 40 fortunati, son gioie e dolori al suo workshop di nudo...

04 ottobre, 2008

Pedro Cano a Napoli: un workshop e una mostra




Pedro Cano torna a Napoli, per un workshop di nudo dal 27 al 31 ottobre prossimo, presso l'Istituto Cervantes. Nel sito le indicazioni per partecipare (entro il 10 ottobre). E' un'occasione da non perdere!

Sempre presso la sede del Cervantes, il 23 ottobre alle 19.30 si inaugura la mostra: 20+20 Desnudos sobre papel (fino al 28 novembre) e il 30 ottobre alle 18.00 verranno proiettati dei video su Pedro Cano.

Un articolo sulla sua ultima mostra Identità in transito, altri acquarelli di Pedro presso la Galleria del Leone e un'anteprima sulla prossima mostra Suroriente presso la Galleria Falteri, a Firenze, dal 27 novembre 2008.

02 aprile, 2006

Pedro Cano a Napoli incontra gli allievi

Pedro Cano racconta l’isola greca di Patmos sfogliando il quaderno della scorsa estate.
Lo Studio Eikon ha curato la mostra su Pedro Cano. Alessandra Drioli e Giovanni Berisio hanno presentato un documentario e una pubblicazione sul workshop tenuto a Patmos.
Gli allievi si sono reincontrati a Napoli, per acquerellare insieme in giro per Castel dell’Ovo.
Altre foto qui.
Rassegna Carnet Mediterranei a Galassia Gutenberg, Napoli, 1-4 aprile 2006.

31 marzo, 2006

Pedro Cano a Napoli: agende e quaderni di viaggio

I paesi che si affacciano sul Mediterraneo sono un soggetto classico per tali racconti di viaggio, luoghi particolarmente cari all’artista spagnolo, nuovamente a Napoli per mostrare le sue suggestive Agende e quaderni di viaggio. A Roma e in Cappadocia, in Marocco e durante il recente atelier itinerante di Pathmos, gli acquerelli nei grandi album rilegati colgono l’essenza dei luoghi, leggendo il paesaggio nel suo mutevole rapporto con la luce. Nelle agende, disegni e collage registrano velocemente i pensieri e gli incontri quotidiani.
Mostra a cura di Studio Eikon. Altre foto qui.
I quaderni di Pedro Cano in mostra a Galassia Gutenberg, Napoli Castel dell'Ovo, dal 1 al 4 aprile 2006.

In rete ho trovato solo qualche immagine dal catalogo Le città invisibili, due recensioni della stessa mostra, altri acquerelli qui e due interviste in spagnolo qui e qui.

25 marzo, 2006

Carnet Mediterranei a Galassia Gutenberg 2006

In viaggio col taccuino a Castel dell'Ovo. Grafica Franco Lancio

Viaggiare col taccuino è un modo di guardare, un esercizio a osservare, a comprendere la realtà e a conservarne memoria, una pratica diffusa da lungo tempo, non solo tra gli artisti. Nell’abbinamento di testo e immagini, nella successione delle pagine scritte e dei disegni di viaggio che raccontano una storia, piccola o grande, vissuta personalmente, risiede il fascino di questo libro bianco da riempire, un oggetto ibrido, tra arte e letteratura. Da album di acquerelli a racconto per parole e immagini, da diario intimo a vero e proprio reportage, il carnet di viaggio è ricco di sfaccettature e di possibili declinazioni da esplorare.

Oggetto di mostre e pubblicazioni in altri paesi, in Italia il taccuino di viaggio è poco diffuso e raramente messo in mostra. In questa rassegna artisti importanti sono accostati ad una moltitudine di autori di ogni età che con il taccuino hanno voluto mettersi alla prova.

Grafica Studio Eikon, acquarello di Pedro Cano

Carnet Mediterranei, in viaggio col taccuino è una rassegna a cura di Simonetta Capecchi per Galassia Gutenberg XVII° edizione. Si terrà a Napoli, a Castel dell'Ovo, dal 1 al 4 aprile 2006 nella Sala delle terrazze.
Qui il flyer del programma: fronte e retro.


*In questo nuovo blog daremo notizie e immagini in diretta sulla rassegna e sul mondo del carnet di viaggio. Benvenuti e seguiteci!