18 maggio, 2016

Ipomea live sketching


Il prossimo fine settimana sarò a Ischia per Ipomea del Negombo, la mostra delle piante rare ed insolite, dove disegnerò per tre giorni insieme a Giuseppe Palumbo!

L'anno scorso ero con Francesca Bazzurro, questi i nostri disegni:

02 maggio, 2016

Nature/Sculpture: VII workshop di Urban Sketchers a Volterra



instructors Simo Capecchi, Caroline Peyron
guest artist Majid Modir

in partnership con Villa Le Guadalupe
con la collaborazione di Franco Lancio

Ancora una volta ci dedicheremo al paesaggio e in particolare al rapporto tra arte e natura: le dolci colline toscane che hanno ispirato i pittori nei secoli e l'opera di artisti contemporanei creata per dialogare con questo paesaggio. Le installazioni di Mauro Staccioli, sparse nella campagna attorno a Volterra; gli affreschi ottocenteschi di Villa Le Guadalupe; il giardino di sculture di Niki de Saint Phalle a Capalbio.

Obiettivo del workshop è quello di migliorare la capacità di osservazione e di raccontare con il disegno le nostre esperienze. Ai partecipanti proponiamo due approcci diversi alla pittura e al disegno en plein-air: la creazione di un reportage grafico basato su schizzi acquerellati e annotati (con Simo Capecchi) e l'utilizzo di tecniche diverse come l'inchiostro, le terre colorate o il collage per esperimenti pittorici più istintivi (con Caroline Peyron). 
Il workshop apre con una demo di Majid Modir, artista dal talento multiforme, sulla tecnica dell'acquarello: saprete finalmente anche quello che non osavate chiedere!
Uno sketchcrawl aperto a tutti nel caleidoscopico Giardino dei Tarocchi concluderà il workshop.

Fatevi ispirare dalle foto dei Workshop a Volterra, edizioni 2010/2015.

view from Villa Le Guadalupe



workshop / instructors

Demo di acquarello con Majid Modir
1. Materiali; la scelta della carta, acquarelli, pennelli e altri attrezzi
2. Tecniche di base e dimostrazione
3. Consigli ed effetti speciali
I partecipanti seguiranno Majid con brevi esercizi e potranno poi assistere alla realizzazione di un suo acquerello passo passo, nel giardino della villa (2 ore circa).

Majid Modir, luoghi abbandonati, Svezia

Majid Modir, Villa Le Guadalupe

Majid Modir è artista, fotografo e graphic designer. Nato nel 1961 in Iran, si è trasferito in Svezia nel 1986 e di recente si è spostato a Volterra. Ha studiato Graphic Design e Illustrazione presso la University of Arts, Crafts and Design di Stoccolma. Lavora in proprio come art director e insegna motion graphic al Beckmans College of Design di Stoccolma. L'acquarello è la sua passione. Ha esposto i suoi lavori in numerose mostre personali e collettive nei paesi Scandinavi negli ultimi trent'anni, ricevendo premi e menzioni speciali. 
E' membro della Swedish Artists Association (SKF). Website: majstudio.se





Reportage con Simo Capecchi Sarà fornita un'introduzione al reportage grafico con esempi di vari autori e approcci diversi cui ispirarsi. Il testo e la combinazione di testo e immagini andrà curata per creare un racconto unitario durante le quattro giornate del workshop. 


Disegneremo attorno alle grandi sculture di Staccioli: cerchi, triangoli e altre forme astratte che si introducono nel paesaggio come elementi dinamici. Visibili a grande distanza sono un'attrazione per turisti e cittadini, soggetto ideale per selfie o scatti creativi. Disegnandole nel contesto del paesaggio volterrano metteremo in evidenza l'interazione delle persone con queste opere d'arte diventate ormai simbolo della città. 

Villa Le Guadalupe è un luogo denso di storie. Cuore pulsante di una famiglia di drammaturghi, studiosi e artisti, dagli anni Ottanta ha ospitato "scienziati, creativi e visionari". Descrivere la villa e le attività della famiglia che la abita e se ne occupa con dedizione da più di trent'anni è un tema perfetto per un breve reportage che combina parole e immagini.

lo studio azzurro di Villa Le Guadalupe

Simo Capecchi ha studiato Architettura a Venezia e Napoli dove ora lavora come illustratrice. I suoi disegni sono apparsi su riviste e cataloghi ed esposti in numerose rassegne collettive. Dal 2006 ha curato mostre di taccuini di viaggio, tenuto workshop e corsi di disegno sia in Italia che all'estero con l'associazione Urban Sketchers.  
Reportage su Flickr, Vimeo, Issuu. Storie in una pagina per la rivista di viaggi Dove
Altri disegni di Simo Capecchi a Volterra qui.

 Sophora nel giardino di villa Le Guadalupe

Inchiostro e collage con Caroline Peyron

Dipingendo il paesaggio con l'inchiostro di China penseremo ai contrasti: luci e ombre, pieni e vuoti, interno ed esterno, forme naturali e forme astratte. Il paesaggio viene tagliato geometricamente oppure incorniciato dalle enormi sculture di Staccioli. Villa Le Guadalupe sono gli affreschi a creare un dialogo speciale con il paesaggio all'esterno. 
Giocheremo sul rapporto tra interno ed esterno della cornice ispirati da alcuni brani di Victor Stoichita nel suo libro "L’invenzione del quadro". 

Il giardino di Niki de Saint Phalle è un caleidoscopio di frammenti colorati e forme sinuose in cui immergersi. Le sue sculture non incorniciano l'ambiente ma piuttosto sembrano trarre dalla natura la stessa logica arborescente, sviluppandosi alla maniera di fiori o alberi. 
Il collage sarà la tecnica perfetta per rendere omaggio a questo sogno fatto realtà.
Portare 4 o 5 quotidiani, colla Vinavil e un pennello economico per stendere la colla.

Paesaggio a Volterra e Deposizione di Pontormo nella Pinacoteca di Volterra.
Caroline Peyron è un'artista francese che vive a Napoli. Sue mostre personali si sono tenute a Napoli, Roma e Parigi presso numerose istituzioni culturali. L'ultima mostra è stata "Cielo" nella Certosa e Museo di San Martino a Napoli, ottobre 2015. Insegna arte da più di vent'anni presso scuole private e istituzioni come il Museo di Capodimonte e il Museo Archeologico a Napoli. Meet the instructorVimeo: vimeo.com/carolinepeyron

----------------------------------------------

Programma

Giovedì 1 settembre / Villa Le Guadalupe
17.00 - 20.00 Check in e demo di acquarello con Majid Modir
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Venerdì, 2 settembre / colline intorno a Volterra
10.00 - 18.00  Sculture all'aperto di Mauro Staccioli 1
Piancorboli / fattoria Fognano (1 ora di pausa con pic-nic per conto proprio)
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Sabato, 3  settembre/ colline intorno a Volterra
10.00 - 18.00  Sculture all'aperto di Mauro Staccioli 2
Poggio San Martino / villa Palagione / Mazzolla 
   (1 ora di pausa con pic-nic per conto proprio)
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Domenica, 4 settembre / Villa Le Guadalupe
10.00 - 13.30 gli affreschi di Villa le Guadalupe, l'esterno visto dall'interno
13.30 *pranzo nel giardino di Villa Le Guadalupe
15.00 - 18.30 Villa le Guadalupe, la casa nel paesaggio
20.00 *cena a Villa Le Guadalupe

Lunedì, 5 settembre / Sketchcrawl nel Giardino dei Tarocchi. Tutti sono invitati! 
10.00 trasferimento a Capalbio, Garavicchio (2 ore in macchina).
14.30 Giardino dei Tarocchi di Niki de Saint Phalle (chiude alle 19.30).

Trasporto e biglietto d'ingresso a proprio carico 
(sconto per il gruppo e organizzazione comune del trasporto). 


Sede del workshop Le Guadalupe. Spazio per le Arti è un'associazione dedicata alle arti da due drammaturghi tedeschi, Wolfgang Storch e Klaudia Ruschkowski, che ospita workshop di arte, teatro, design e musica, con un programma internazionale. Le Guadalupe ha sede in una villa Ottocentesca interamente affrescata, circondata da un giardino e da un oliveto con vista sulle colline a Sud di Volterra. Il workshop si tiene nella villa dal 2009, da un'idea di Klaudia Ruschkowski. La sua ospitalità calorosa e i suoi pasti deliziosi sono parte fondamentale di queste intense giornate di disegno.

Sponsors quest'anno avremo diversi e ottimi materiali, grazie a due sponsor importanti come Viarco (con ArtGraf, terre solubili) e Hahnemühle (per la carta da acquarello). 
E, una volta ancora, il nostro sponsor storico Moleskine offrirà i suoi preziosi taccuini.

Costo e iscrizioni Il workshop costa 330 euro che includono l'insegnamento (220 euro x una demo di 3 ore e 21 ore di lezione guidata, seguiti da uno sketchcrawl aperto) e i pasti principali (110 euro per 5 pasti a Villa Le Guadalupe). Non includono l'alloggio, eventuali spese di trasporto per il trasferimento a Capalbio e il biglietto di ingresso al Giardino dei Tarocchi, per il quale chiederemo lo sconto di gruppo. 
10% del costo dell'iscrizione sostiene l'Urban Sketchers educational program.
Per partecipare scrivere a simo.capecchi(at)gmail.com

Partecipanti Minimo 10, max 18. Ogni livello di esperienza è benvenuto.

Lingue Inglese, Francese, Italiano.

Come raggiungere Villa Le Guadalupe e Volterra  Nella workshop Map le istruzioni per la villa se venite in macchina - 10' dal centro di Volterra. Nessun problema se venite con i mezzi pubblici, vi aiutiamo con gli orari delle corriere e veniamo a prendervi alla stazione e ogni giorno nei relativi alberghi. Un trasporto comune verrà organizzato per raggiungere Capalbio.

Volterra è raggiungibile dalle seguenti stazioni/aeroporti:
Firenze (2 ore): bus per Volterra via Colle val d'Elsa 
Pisa (2 ore): bus per Volterra via Pontedera   
Rome (4.30 ore): treno regionale per Cecina + coincidenza con bus per Saline di Volterra. 

Alloggio Hotel consigliati nella workshop map.  Tre stanze doppie sono disponibili nella Villa. (Aggiornamento: le stanze sono già occupate).

I luoghi del workshopMAP


Mauro Staccioli, "Luoghi di Esperienza", progetto di land art per Volterra (2009). Questo gruppo di sculture sono un omaggio dell'artista alla sua città natale e suggeriscono una sorta di caccia al tesoro da una collina all'altra, nelle immediate vicinanze di Volterra. Descrizione delle sculture.


Villa Le Guadalupe (artisti sconosciuti, 1850-54 ca.). I due fratelli Tangassi, noti artigiani alabastrai di Volterra, tornano dal Messico dove avevano fatto fortuna con la loro arte e commissionano la ristrutturazione di una precedente casa colonica sulle colline a Sud di Volterra, dedicandola alla Madonna delle Guadalupe, patrona del Messico. Due pittori vengono incaricati di affrescare interamente la villa con paesaggi, elementi naturali e geometrici e riferimenti al Messico e all'Italia. La residenza cittadina dei Tangassi oggi è invece la sede del Museo Etrusco.


Niki de Saint Phalle, Giardino dei Tarocchi (Garavicchio, Capalbio 1979-1998). Per circa vent'anni l'artista ha lavorato a questo giardino di sculture abitandoci periodicamente, con la collaborazione di Jean Tinguely. Garden website / Artist bio / intro video 5' / Il giardino video 35' / documentario su Niki e Jean Tinguely di Anne Julien e Louise Faure, 55'.