31 marzo, 2006

Pedro Cano a Napoli: agende e quaderni di viaggio

I paesi che si affacciano sul Mediterraneo sono un soggetto classico per tali racconti di viaggio, luoghi particolarmente cari all’artista spagnolo, nuovamente a Napoli per mostrare le sue suggestive Agende e quaderni di viaggio. A Roma e in Cappadocia, in Marocco e durante il recente atelier itinerante di Pathmos, gli acquerelli nei grandi album rilegati colgono l’essenza dei luoghi, leggendo il paesaggio nel suo mutevole rapporto con la luce. Nelle agende, disegni e collage registrano velocemente i pensieri e gli incontri quotidiani.
Mostra a cura di Studio Eikon. Altre foto qui.
I quaderni di Pedro Cano in mostra a Galassia Gutenberg, Napoli Castel dell'Ovo, dal 1 al 4 aprile 2006.

In rete ho trovato solo qualche immagine dal catalogo Le città invisibili, due recensioni della stessa mostra, altri acquerelli qui e due interviste in spagnolo qui e qui.

2 commenti:

Gabriele Musella ha detto...

Conobbi Pedro Cano alla Facoltà di Architettura di Roma.
Con tono raffinato e semplice ci illustrò "Las ciudades invisibles"; una serie di acquerelli che realizzò pensando alle città invisibili di Calvino.

Inusuale progetto tra la metafora e il paradosso dell'infinito.
La difficoltà consisteva nel racchiudere simbolicamente scenari fantastici, articolati attraverso descrizioni visive della mente, e impressionarli su carta.
Il valore cognitivo del disegno è stato interpretato come linfa virtuale della rappresentazione.

In quelle tavole ci ritrovai i racconti di J.L.Borges; la bibilioteca di Babele, Uqbar, Tlon.
Lo feci notare agli altri studenti, alcuni annuirono, altri insistevano nell'avvicinarlo al linguaggio di Magritte;
Lui negò di essersi ispirato ai surrealisti.
Non ci ho mai creduto.

Curioso di vedere altre tavole di questo grande artista ancora poco conosciuto, porgo i miei saluti agli organizzatori di GalassiaGutenberg.

gabrielemusella@iol.it

hotel ha detto...

bellissima napoli rappresentata in questo modo!