19 giugno, 2009

Taccuini di viaggio ai radioincontri: Riva del Garda


Sembra strano nell'era del web, di Skype (e del telefono!) partire da Napoli e fare centinaia di chilometri per andare a parlare alla radio, in diretta e dal vivo da un palcoscenico in una piazzetta sul lago di Garda... Così strano che ho accettato subito! L'invito è di Marina Petrillo, conduttrice di Radio Popolare Network, alla quale piacciono le storie dei taccuini e già più volte ne ha parlato in radio. I Radio Incontri di Riva del Garda sono alla sesta edizione. Quest'anno sono dedicati alle community, alle tante tribù radiofoniche ma anche a quelle dei viaggiatori e dei disegnatori viaggianti. Domani sarò in diretta da Riva del Garda:



Sabato 20 giugno 2009, ore 11.30 - 12.30 (Riva del Garda, Piazza Cavour)
radio POPOLARE NETWORK presenta
IL VIAGGIO COME RACCONTO, la condivisione dei diari di viaggio
con Claudio Agostoni e Marina Petrillo

AGGIORNAMENTO: nel blog di Marina Petrillo, La bella e la bestia, il racconto di questa giornata. (Marina mi aveva già intervistata per la trasmissione "zoe", durante l'allestimento della mostra a Galassia Gutenberg, il 28 maggio scorso).

16 giugno, 2009

Corpi celesti, un taccuino di Cecilia Battimelli





Del nuovo taccuino di Cecilia Battimelli esposto a Galassia Gutenberg ho già parlato qui. Quando l'ho fotografato non era ancora terminato e vale la pena guardarlo meglio, con le scansioni. Suoi naturalmente anche i ritratti a collage.






Altri taccuini di Cecilia per la nostra rassegna qui (2007) e qui (2008).

Cecilia Battimelli
ha una manualità eccezionale. Il suo saper fare spazia dall'architettura alla fotografia, è artista e artigiana. Il suo contributo è stato prezioso in tutti gli allestimenti di In viaggio col taccuino per Galassia Gutenberg. Quest'anno in particolare, senza la sua collaborazione non ce l'avremmo fatta!

15 giugno, 2009

In viaggio col taccuino 2009: rassegna stampa

Sembra una scusa, lo so, ma c'è stato un fulmine nel vicolo che ha interrotto per una settimana il collegamento internet... Ecco in ritardo la rassegna stampa sulla mostra a Galassia Gutenberg XX.

Su Carta
Flaviano De Luca per Il Manifesto (sabato 30 maggio)
Stella Cervasio per La Repubblica di Napoli (venerdì 31 maggio)
Adele Brunetti per DNews (giovedi 30 maggio)





Nel web
Moleskine: l'onore della home page! Il testo qui (english translation here).
Francesco Guida su Social Design Zine.
Anna Maspero per Il Reporter.
Luisa Carrada su Il Mestiere di Scrivere.



Arrivederci alla prossima edizione!

09 giugno, 2009

Franco Lancio, l'anima delle cose






Questi... non sono taccuini! Franco Lancio, che collabora e cura la grafica della nostra rassegna "In viaggio col taccuino", in occasione dei vent'anni di Galassia Gutenberg ha esposto la sua collezione di 12 scatole dedicate a 12 scrittori. Anche in due precedenti edizioni (2006 e 2007), abbiamo presentato installazioni di Franco, create attorno ad un testo letterario.





Scrigni di tesori... o scatole magiche, anche queste.

07 giugno, 2009

Stefano Faravelli a Napoli, in viaggio col "taqwin"



"Un taccuino, dall'arabo taqwin, è una raccolta dell'universo... si potrebbe dire che è un Aleph, il multum in parvo (l'infinitamente grande nell'infinitamente piccolo). Questa è anche la mia vocazione, ciò che mi spinge a viaggiare per il mondo e a raccontare i paesi che mi "chiamano" in questa forma strana che è il carnet di viaggio... è l'intenzione di racchiudere in uno scrigno l'infinita ricchezza dell'esistente..."

Non sapevo che una delle parole che uso più spesso avesse origini arabe: taqwin è il "giusto ordine", una raccolta, un calendario... L'ho scoperto domenica 31 maggio a Galassia Gutenberg, quando è stato nostro ospite Stefano Faravelli. Del suo ultimo viaggio e del libro Egitto. Cercando l'Aleph (EDT) ha parlato con Isabella Camera d'Afflitto, mentre i Moleskine a soffietto si allungavano sul tavolo, svelando le loro meraviglie.



Qui sopra, i sei carnet che Stefano ha riportato dall'Egitto, la scatola magica con tutto il necessario per dipingere e l'Aleph di Borges, uno dei testi che ha ispirato il viaggio. Sotto, le dediche acquerellate del libro.






Quest'estate Stefano Faravelli terrà alcuni laboratori di carnet di viaggio, organizzati in collaborazione con la Scuola del viaggio: a Cannara, Perugia (11-14 giugno) e Salemi, Trapani (23- 30 agosto). Una buona occasione per conoscerlo e nutrirsi per qualche giorno del suo scrigno di tesori.

05 giugno, 2009

Galassia Gutenberg XX, secondo giorno



Sabato era la giornata dedicata a Luciano Del Sette, ai diari privati che diventano pubblici attraverso il web e al film dei 1000 Journals.



Luciano Del Sette ha raccontato dei suoi diari, quelli personali e quelli tenuti per lavoro come corrispondente del Manifesto, di Atlante, di Corto Maltese o per per le guide CLUP, i quali
"combinavano le righe di scrittura con ritagli di giornale, biglietti da visita di alberghi e ristoranti, mappe disegnate da qualcuno, tabelle di orari di navi e autobus, indirizzi di persone che avrei dovuto incontrare più avanti nel viaggio. Erano, quindi, a tutti gli effetti, dei carnet di viaggio. Anche se questo genere narrativo per parole e immagini lo avrei scoperto solo di recente...".



Luciano ha citato uno dei grandi miti del viaggio, oggi in estinzione: "il Poste Restante, o Fermo Posta, che in effetti somigliava a un diario gigante: una bacheca sulla quale l’albergatore fissava con una puntina o del nastro adesivo le lettere che arrivavano. I viaggiatori ci lasciava indicazioni per chi sarebbe arrivato dopo di loro"
e i diari dei Long Distance Travellers: "diari così assolutamente intimi che a nessuno sarebbe mai venuto in mente di ficcarci il naso in assenza del padrone. Però una sbirciatina da lontano la davamo tutti e fu in quel modo un po’ indiscreto che scopersi come la forma dei miei diari appartenesse a un modello non codificato ma universale..."



Contemporaneamente però, nella sala a fianco a noi c'era l'appuntamento più atteso di Galassia, dedicato al ricordo di Fabrizia Ramondino. La sala era strapiena di amici e anche io avrei voluto esserci. Mi sono ricordata di una lunga visita guidata alla prima edizione di "In viaggio col taccuino" che nel 2006 ebbi l'onore di farle... Nella foto sopra, al centro, Andreas Müller (che con Fabrizia ha scritto Dadapolis), dopo l'incontro.



I visitatori, meno numerosi delle precedenti edizioni, sono stati pochi... ma buoni. La mia maggiore soddisfazione sono i fans del blog, quelli che se lo sono letto nelle sue pagine più nascoste, magari venuti apposta da un paese della Lucania e che si fermano a lungo a parlare con noi. Oppure i visitatori casuali, come un addetto alla sicurezza che si è comprato un taccuino vuoto, perchè guardando i Moleskine su Napoli, gli è improvvisamente venuta voglia di disegnare, anche se non l'aveva mai fatto!



Molti invece volevano comprarsi i taccuini originali, scambiandoli per riproduzioni.



Chissà se la Sindaca userà mai il taccuino che le abbiamo regalato. Certo molte cose sulla nostra città potrebbe raccontare...