24 aprile, 2007

A Bologna

Ogni tanto mi piace tornare nella mia città dove camminare per la strada è molto più semplice che a Napoli e dove noi distratti forse corriamo meno pericoli. Vado come al solito alla Fiera del Libro ad incontrare amici illustratori. Una finestra si trova alla giusta altezza per apprezzare i grattacieli della vecchia città.

10 commenti:

Claudia ha detto...

Bellisimo! Wonderful painting which includes the southern light of Italy!

José Louro ha detto...

I wish i could do that.

Merisi's Vienna For Beginners ha detto...

I love the view, your painting and Bologna, too.
I have nominated you for the Thinking Blogger Award. Your blog is one of the first ones I discovered (thanks to Grumpy Old Bookman), and I have visited your world ever since. Thank you for all the beautiful moments you share.
I am a novice to this Award (my first one), but if you wish to participate you may now nominate your own five Thinking Bloggers.
Sorry to tell you with the delay.
All the best,
Merisi

shanghailady ha detto...

Carissima Simonetta perdona se mi inserisco nel tuo spazio ma sono nuova di questa modalità blog post atoma etc...ho visto le due torri e mi sono diretta lì

Carissimi bloggers
scrivo perchè debbo assolutamente pubblicizzare questa mostra.
Sono stata a vederla a Toppo di Travesio (Pordenone) : è dedicata a tal Napoleone Cozzi, morto nel 1916, si dice per "marasma" (fase finale della sifilide..nel gergo medico di allora). Perchè ci sono andata? Mi trovavo ad Udine per il Far East Festival, rassegna di film solo asiatici. Dopo un giorno passato chiusa nel cinema tra immagini di sparatorie, gioco d'azzardo, fumo, alchool, etc ho voluto uscire a vedere le montagne; sono stata attirata da una piccola notiziola che pubblicizzava la mostra di questo - a me assolutamente sconosciuto- Cozzi definito "alpinista, acquarellista, pittore" vissuto a cavallo del '900. Non senza qualche difficoltà ho individuato la microfrazione di Toppo di Travesio- località forse con 50 abitanti- le montagne di sfondo e un intenso profumo di fieno.

Grande la sorpresa quando ho scoperto che Napoleone Cozzi amante scalatore, aveva elaborato nei suoi viaggi/scalate effettuati ai primi del 900, cinque taccuini di viaggio ad acquarello!!!!. Vi sono disegnati gli avvicinamenti e le ascensioni a montagne e picchi in compagnia di due fidati amici con i quali effettuava i suoi viaggi. Nei taccuini montagne, ghiacciai ma anche paesini, sagre e tante annotazioni anche buffe e spiritose. Non sono assolutamente immagini "tecniche" per alpinisti, piuttosto mi ha colpito la capacità di suscitare l'emozione di fronte alla natura. Ho comprato il catalogo...non ho potuto trattenermi. Alla mostra anche una sua foto che lo rappresenta in abiti da montagna con sottobraccio l'album che portava con se!!. Un mito...
Da notare che allora non esistendo il goretex i tre amici andavano vestiti con abiti in tweed oggi molto trendy. Esposti anche gli originali di alcuni taccuini, con tanto di custodia con ornato ribattutto in pelle.
L'ho trovata una mostra straordinaria.... Personalmente ritengo che in una mostra di carnet du voyage, un tale precursore non dovrebbe mancare.
La mostra di Toppo è ben presentata. I taccuini sono riprodotti ingranditi su scrolls verticali a muro con un sunto delle vicende legate ai singoli viaggi ed alle disavventure incontrate. Ci sono anche immagini curiose come la discesa del fiume Piave su zatteroni snodabili in grado di superare rapide davvero verticali...con tanto di commento scritto ai piedi del disegno. Allora il Piave era ancora via di comunicazione e trasporto. Assolutamente esilarante (per me) il disegno che ritrae un alpinista fare il classico "piedino" ad un compagno per facilitargli l'arrampicata su una cengia...non so.. a me che sono una profana di roccia è sembrata gesto assai poco tecnico però forse è così che fanno ancora gli alpinisti...bah!

Se ho ben compreso la ricerca su Cozzi è stata sponsorizzata dalla Società di Studi Risorgimentali di Trieste e quindi del personaggio ne viene valorizzato anche l'impegno irredentistico. Un grande ringraziamento alla curatrice che ne ha seguito le tracce e lo ha riscoperto da alcuni anni. Ho appreso dalla mostra che Cozzi lavorò molto a Trieste dove tuttavia delle sue opere non è rimasto nulla perchè distrutte dagli Austriaci. A Trieste lavorò come istruttore di ginnastica(!!) alla Società Ginnastica Triestina, ma entrò alla scuola Banco Modello (di arte) di Trieste già a tredici anni. Sono esposti alcuni suoi disegni di tredicenne ..che io non farò mai neanche fra 50 anni!!... un persona singolare.
Qui sotto il sito del Comune di Travesio dove si parla della mostra...se potete andatela a vedere davvero (io non ho nulla a che fare con l'organizzazione sono solo una visitatrice di Bologna che è rimasta incantata...)
PS: la MOSTRA CHIUDE IL 3 GIUGNO


http://www.comune.travesio.pn.it/HP_unica.asp?DISTR=1&Col=&progr=2&ID=354

pierpaola ha detto...

ciao, io a Formentera tu a Bologna.Quando ci incontreremo? Sembra tu abbia dipinto dalle mie finestre!

Giorgio ha detto...

grazie shanghailady!
La mostra a Toppo di Travesio (Pordenone) dedicata a tal Napoleone Cozzi pare una vera chicca.
Da quel poco che si vede dalle microimmagini sul sito (http://www.comune.travesio.pn.it/HP_unica.asp?DISTR=1&Col=&progr=2&ID=354)
mi sembra che questo Napoleone sia degno del nome che porta...

spritz ha detto...

Non riesco a vedere le cosa de Napoleone. L´indirizzo e bene?
Bologna: beautiful drawing. I wish I could have go. Maybe next year.

4ojos ha detto...

shanghailady: gracias por hacerme conocer a Napoleone Cozzi. Qué lástima que en el sitio se vean las imágenes tan pequeñas!

Giorgio ha detto...

Napoleone Cozzi

Troppo lungo il link...
Cercate qui:
http://www.comune.travesio.pn.it/
e poi sotto
Cultura

Schizzinosa ha detto...

Grazie a tutti per i vostri commenti. Thanks to Claudia and José, Pierpaola and Spritz. Merisi, thanks for your loyalty, I'll check it out for the Award. E la mostra segnalata da Shangailady sembra proprio interessante, cercherò il catalogo!