26 marzo, 2006

Ludovico Maria Fusco

"Fin da piccolo ero rapito dal saper fare pittura e passavo molte ore a dipingere. Da allora non ho mai smesso di fissare le mie emozioni su piccoli fogli di carta, quadernetti che portavo con me dovunque. Solo in gioventù sono stato distratto, l'amore, lo studio, la politica, la speranza o meglio l'illusione di cambiare il mondo, non li ho raccontati. Dopo, in età matura, ho ritrovato il piacere di raccontare con il disegno, di fermare sulla carta le emozioni che provo in un luogo o in un momento, ed allora tiro fuori gli acquerelli, il mio set da viaggio e, anche tra gli altri, mi isolo e guardo il mondo come in un caleidoscopio di verità".

In mostra Galassia Gutenberg, Napoli Castel dell'Ovo, dal 1 al 4 aprile 2006.

Nessun commento: