26 marzo, 2006

Ferruccio Orioli

"Vengo da un porto, Venezia, e dopo tanti anni sono approdato ad un altro porto, Napoli. Più serio il mare qui davanti, più mare di quello della laguna. All'acqua aggiungo colori per piccole immagini, rapide quanto lo scatto di una macchina fotografica. Disegnato ho disegnato fin da piccolo ma senza disciplina, come veniva. Come con i colori, molti anni più tardi. Oggi mi sono messo a fare cose grandi. La difficoltà maggiore è l'emozione che provo davanti al grande. E allora, per dirmi che ce laposso fare, torno a scattare i miei rapidi acquarelli".

In mostra Galassia Gutenberg, Napoli Castel dell'Ovo, dal 1 al 4 aprile 2006.

Nessun commento: